Calcolo del prestito

prestiti4Calcolo del prestito: calcolo rata prestito online e veloce, calcolo prestito personale dipendenti e pesnionati, Calcolo del prestito per protestati e senza busta paga.

Durante la vita di ogni giorno, potrebbe capitare di essere in grosse difficoltà economiche. In queste situazioni, quindi, uno degli strumenti più utili per risollevare le nostre finanze (o perlomeno in passato lo era) può essere la richiesta di un prestito. Infatti, richiedendo un prestito si possono ottenere nuovi fondi da utilizzare secondo le nostre esigenze con l’unica clausola di restituirli in comode rate spalmate su ampi archi temporali.

Questa visione, di suo, è piuttosto ottimistica in quanto bisogna considerare che bisognerà restituire la somma ricevuta con degli “interessi” che vengono identificati attraverso un parametro denominato TAEG, cioè il tasso di interesse annuo accreditato alla finanziaria sul vostro prestito.

Trascurando l’analisi del valore di questo tasso (ci tengo solo a precisare che non è esattamente basso e, per via della crisi economica è stato rialzato svariate volte fino a raggiungere il tasso attuale che, a mio modesto parere è alla stregua di uno “strozzinaggio legalizzato”), una delle osservazioni essenziali per chiunque si appresti a richiedere un nuovo prestito è sicuramente il suo calcolo.

Bisogna, infatti, considerare che quel prestito andrà restituito tramite delle rate spalmate in ampi archi temporali, condizione che di fatti rende essenziale l’analisi dell’ammontare di queste rate. Quest’analisi, a conti fatti, risulta essere piuttosto semplice e si traduce in una semplice revisione delle proprie finanze. Per farti un esempio pratico, se tu guadagnassi 1200 euro al mese e fossi costretto a pagarne 900 per coprire la rata del prestito non ti troveresti di fronte ad un prestito sostenibile. Infatti, in questa situazione saresti costretto a fare notevoli sacrifici per arrivare alla fine del mese (ammesso che ci arrivi con qualche soldo in tasca), situazione che moltiplicata per l’intero arco temporale del prestito ti rende il tutto insostenibile.

Ora, l’esempio che ti ho mostrato è volutamente esagerato ma rappresenta perfettamente la definizione di sostenibilità del Calcolo del prestito. Questo parametro, infatti, è fondamentale e deve essere costantemente tenuto in considerazione durante il calcolo del prestito. Ritornando proprio su quest’ultimo punto, ti devo segnalare che l’avvento di internet ha portato notevoli benefici in quest’ambito. Infatti, mentre in passato il Calcolo del prestito era un’operazione che andava fatta a mano o presso una filiale della finanziaria presso cui si richiedeva il prestito, oggi le cose sono completamente cambiate per via della costituzione di siti internet che svolgono questo compito per noi. Tramite questi siti internet, inoltre, è anche possibile analizzare svariate offerte provenienti da finanziarie differenti.

Taeg e rate per il Calcolo del prestito?
Ad ogni modo, se questo metodo può essere piuttosto conveniente nel caso disponessi in partenza dei valori necessari (numero di rate, TAEG ed ammontare del prestito), deve essere comunque considerato piuttosto indicativo. Infatti, anche se estremamente preciso, potrebbe capitare che i dati inseriti non corrispondano ad offerte di finanziarie o enti reali. Di conseguenza, quando devi per il Calcolo del prestito ti consiglio caldamente di richiedere i preventivi. Quest’ultimi, infatti, possono essere richiesti gratuitamente presso le filiali della finanziaria o tramite i rispettivi siti internet e mostrano informazioni precise ed approfondite riguardanti il prestito. Inoltre, essendo piuttosto veloce da ottenere, sono perfette per confrontare tante offerte differenti, situazione che le rende ideali in ogni situazione di analisi dei prestiti. Di conseguenza, ti consiglio caldamente di sfruttarle poiché potrebbero permetterti un risparmio notevole nel tempo!